In offerta!
  • 237×319 Le due tigri

4.00

La storia si svolge otto anni dopo gli avvenimenti narrati nel primo romanzo del ciclo, Le tigri di Mompracem. Se in quel caso il termine “tigri” era riferito, per estensione, a tutti i pirati seguaci di Sandokan (altrove identificati come “tigrotti”), in questo romanzo indica pienamente la “Tigre della Malesia” da un lato e, dall’altro, il suo antagonista Suyodhana, capo dei Thugs e “Tigre dell’India: rispetto alla sua precedente apparizione ne I misteri della jungla nera, infatti, Suyodhana non è più un uomo senza volto, che poco a poco si materializza nel capo dei Thugs, ma un personaggio di incredibile complessità. Egli «gode di una fama leggendaria, incarna la Trimurti, è egli stesso l’emanazione di un territorio proibito […]: è insomma un antagonista degno di Sandokan, il quale infatti va a sfidarlo sul suo stesso terreno» Inoltre, il continuo riferimento alla simbologia della tigre[3] dà un tocco onirico e spettrale all’intero romanzo.

Emilio Salgari

Share This

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Le due Tigri”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *